INOsteria
Menu

Focaccetta alla Genovese ~ Fügassa

Focaccia Genovese: ricetta e preparazione.

(Versione veloce: senza lievito) Con 500 grammi di farina bianca, un pizzico di sale fino, un cucchiaino di zucchero, qualche goccia d’olio extravergine d’oliva e tanta acqua quanta ne occorre, preparate una pasta piuttosto densa. Spianatela e distendetela in una teglia ben oleata. Picchiettate con le dita tutta la superficie, che salerete con sale grosso ed inumidirete con altro olio evo, indi cuocerete in forno caldo a circa 180-200 gradi.

(Versione completa: con lievito) Con 250 grammi di farina bianca, un pizzico di sale fino, qualche goccia d’olio extravergine d’oliva e tanta acqua quanta ne occorre, preparate una pastella piuttosto liquida. A questo punto unite il lievito di birra sbriciolato (circa 25 grammi), impastate alcuni minuti per amalgamare bene il tutto e infine aggiungete ancora 250 grammi di farina bianca, lavorate l’impasto fino ad ottenere un composto omogeneo, risulterà appiccicoso. Stendetela in una teglia ben oleata senza troppa precisione, dopo la lievitazione verrà fatto un altro passaggio. Lasciate lievitare per circa un’ora, un’ora e mezza fino a che il suo volume sarà raddoppiato. Stendetela fino a raggiungere i bordi della teglia salate con sale grosso ed inumidite con altro olio evo, dopodichè lasciatela lievitare per un’altra mezz’ora, infine distribuite ancora qualche cucchiaio d’olio picchiettate le dita, lasciandole piacevolmente affondare, su tutta la superficie per ottenere i classici ‘buchi’. Cuocete in forno caldo a circa 180-200 gradi.

Le varianti di questa focaccia sono molte, le più comuni prevedono l’aggiunta di sottilissime fette di cipolla cruda leggermente condite con olio evo ed un pizzico di sale (meglio se lasciate riposare un pochino), oppure l’aggiunta all’impasto di rosmarino tritato.

Da sempre assaporata a colazione con il classico bicchiere di vino bianco, è ideale per essere consumata durante tutta la giornata, i pochi e semplici ingredienti la rendono adatta anche al consumo da parte dei bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.